Aborto ricorrente

Si parla di aborto ripetuto quando si verificano almeno due o tre episodi consecutivi di aborto spontaneo entro la ventesima settimana di gravidanza.

 

Nel caso in cui una paziente con anamnesi di aborti ripetuti si presenti dal medico prima di intraprendere una nuova gravidanza, è opprtuno sottoporla ad una serie di accertamenti intesi ad individuare le cause dell'insuccesso riproduttivo:

esame fisico e ginecologico; esame emocromocitometrico e striscio di sangue; gruppo sanguigno e fattore rh della donna e del partner ; accertamenti sierologici (Wasserman, Kahno o VDRL, test di Sabin- Feldman); prove di funzionalitá tiroidea ; mappa cromosomica; esa,e completo delle urine; urea, acido urico, creatinina, clearance creatinina ; test di intolleranza orale al glucosio; isterosalpinogografia; isteroscopia panoramica; valutazione del ciclo mestruale.


Sono necessari vari esami, in parte rimborsabili dal SSN ed in parte no, che la coppia può eseguire direttamente presso lo studio del dottor Luigi Alaimo ( centro medico San Michele ) che opera nella stessa struttura nella quale è situato il laboratorio Ria-Analisi convenzionato con il SSN.

Share by: